Primi, Recipes

MALFATTI DI CASA LOY

Se bado alla storia c’è chi dice sia una ricetta di origine lombarda e chi invece di appartenenza toscana. Non entro nel merito, per me sono e rimarranno per sempre i “malfatti di nonna Ena”, diventati poi i “malfatti di mamma”. E nonostante il nome li ho sempre considerati  uno dei piatti più golosi del repertorio sia di nonna che di mamma. Li avete mai cucinati? Sono un primo piatto assolutamente alla portata di chiunque, anche di chi è alle prime armi in cucina, e hanno un enorme vantaggio in caso di ospiti a cena, li potete preparare il giorno prima e lasciare per l’ultimo momento solo la fase di gratinatura, comodità da non sottovalutare ! Si sa che quando si organizza una cena con amici o parenti, sono mille le cose a cui pensare e l’organizzazione è fondamentale, se optate per un menu che richieda solo piatti da cucinare all’ultimo momento finirete per farvi prendere dall’ansia, arriverete stanchi e non vi godrete la serata . Vi do un suggerimento , mano a mano che assaggiate o cucinate o vedete una ricetta che si presta alla preparazione anticipata, annotatelo creando un elenco da tenere nel vostro archivio, da consultare quando decidete di ricevere degli ospiti a casa, vi sarà molto utile ! Volete alcuni esempi?

Lasagna-Crepes salate farcite-Gnocchi alla faragliona-Gnocchi alla romana-Ragù alla bolognese-Pasta e fagioli alla veneta (naturalmente la prima fase, la pasta va cotta al momento)-Impasto per pizza-Impasto per brisèe-Pesto alla genovese/pesto alla siciliana/pesto di fiori di zucca e mandorle/pesto di zucchine menta e zenzero-Polpette al sugo-Polpettone di tonno-Arrosto freddo in salsa di fichiSpezzatino-Parmigiana di melanzane-Peperonata-Peperoni al forno-Creme Caramel ( quello vero mi raccomando…)-Brownies-Torta Amara DolcezzaCioccoriso-Semifreddo al torroncino -Salame di cioccolata-Pasta frolla per crostata

Per la cronaca questi malfatti al giorno dopo non ci sono arrivati …..li abbiamo spazzolati espressi !

COSA VI SERVE – Dosi per circa 18-20 gnocchi

  • 450 gr di spinaci
  • 350 gr di ricotta vaccina
  • 2 uova intere
  • 2-3 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • sale e pepe qb
  • spicchio di aglio facoltativo
  • farina qb per infarinatura
  • burro per gratinare

PROCEDIMENTO

Lessate gli spinaci, o se usate quelli congelati come ho fatto io cucinateli in padella con un po di sale grosso a fuoco basso. Strizzateli molto bene dalla loro acqua, trasferiteli su un tagliere e sminuzzateli a coltello , non fatelo con il mixer perché vengono troppo tritati.

img_4911img_4913

Ripassateli in padella con un filo di olio e , se piace con uno spicchio di aglio che poi rimuoverete. Fateli rosolare a fuoco bassissimo, il segreto per una buona riuscita del piatto sta proprio nel fare asciugare bene gli spinaci . Trasferiteli in una ciotola alta, aggiungete la ricotta, le uova sbattute, il parmigiano, un bel pizzico di sale e uno di pepe.

img_4917img_4918

img_4919img_4921

Amalgamate bene e formate delle polpettine, passatele nella farina e cuocetele in acqua bollente salata come si fa per gli gnocchi classici. Preparatevi in anticipo una pirofila da forno leggermente imburrata e mano a mano che gli gnocchi vengono a galla scolateli e adagiateli sulla pirofila. Se vi servono per il giorno dopo a questo punto lasciateli raffreddare, coprite con carta pellicola e mettete in frigo ( ricordandovi il giorno dopo di toglierli dal frigo un oretta prima di gratinarli) .

img_4925

Prima di ultimarli cospargete con altro parmigiano , qualche fiocchetto di burro e gratinate in forno caldo per circa 15 minuti. Servite caldi!!!!

img_4926img_4928

Nota: chi desidera sostituire i prodotti vaccini può utilizzare ricotta di pecora, pecorino grattugiato e gratinare con burro di soia .

ENGLISH

If I mind the story, some say it’s a recipe with Lombard origin, and those who belong to the Tuscany. I don’t go into the matter ,  for me they are and will always remain the “misdeeds of Ena grandmother”, which later became the “mother misdeeds”. And despite the name I always considered them one of the most delicious dishes of their repertoire . Have you ever cooked? They are a delicious first course absolutely within reach of anyone, even those who are beginners in the kitchen, and have a huge advantage in case of dinner guests, you can prepare the day before and finish at the last time only the gratin phase, a big convenience ! We know that when you organize a dinner with friends or relatives, there are a thousand things to think about and the organization is very important, if you opt for a menu with all recipes to be cooked at the last minute you will become anxious, you’ll arrive tired and you will not enjoy the evening. I give you a hint, when you tasted or cooked a recipe that lends itself to advance preparation, jot it down by creating a list to be kept in your archive, to see when you plan to receive guests at home, it will be very useful! Do you want some examples?

Lasagna-Crepes stuffed -Semolina dumplings-Bolognese Sauce-Pasta & beans (of course the first phase, the pasta should be cooked at the time) -Pizza-Dough-Genoese Pesto/ Sicilian pesto/ Zucchini flowers and almonds pesto/  Zucchini mint and ginger pesto -Meatballs with sauce – Tuna meatloaf-Cold roast in fig sauceStew-Eggplant parmigiana-Peperonata-Peppers baked-Creme Caramel (the real one I recommend it …) – Brownies – Cake-Amara dolcezzaCioccoriso-Nougat parfait -Chocolate salame-Shortcrust pastry .

 

For the record these misdeeds did not arrive to the day after ….. we enjoyed them expressed!

WHAT YOU NEED – Serves about 18-20 dumplings

  • 450 grams of spinach
  • 350 grams of ricotta cheese
  • 2 eggs
  • 2-3 tablespoons of grated Parmesan cheese
  • Salt and Pepper To Taste
  • clove of garlic optional
  • flour as needed for flouring
  • butter to brown

METHOD

Boil the spinach, or if using frozen ones like I did cook them in a pan with a bit of salt over low heat. Squeeze them very well from their water, transfer to a cutting board and cut with a knife, do not do it with the mixer because they would be too crushed.

img_4911img_4913

Put them in a pan with a little oil and, if like with a clove of garlic then you will remove. Brown them on a low heat, the secret to success of the dish lies in making dry spinach. Transfer them in a high bowl, add the ricotta, beaten eggs, parmesan cheese, a good pinch of salt and one of pepper.

img_4917img_4918

img_4919img_4921

Mix well and form into balls, roll them in flour and cook in salted boiling water as you do for the classic gnocchi. Prepare in advance a lightly buttered oven pan  and gradually the gnocchi rise to the surface drain and place them on the pan. If you need for the next day at this point let cool, cover with foil paper and refrigerate (remembering the day after removing from the refrigerator an hour or so before gratin).

img_4925

Sprinkle with more Parmesan cheese, some butter and gratin in a hot oven for about 15 minutes. Serve hot !!!!

img_4926img_4928

Note: those who want to replace the vaccines produced may use sheep ricotta, grated pecorino and gratin with soy butter.