Antipasti, Brunch e Snack, Quick & Easy, Recipes

GRECIA IN COCOTTE

La vita è il dono più sacro e prezioso, ma a volte sa essere uno schiaffo in faccia di quelli che non dimenticherai mai. Ti svegli una mattina e tutto è cambiato, devi toglierti le vesti indossate fino a un attimo prima, devi chiudere in un cassetto anni di ricordi – guarda caso quel cassetto non si chiude mai bene – devi orientarti in una rotonda che ha 24 uscite e tu non hai la minima idea di quale sia la tua, devi abbinare ai jeans il giusto sorriso di circostanza, devi abbassare il volume del tuo cervello che nelle notti insonni continua a macinare domande senza trovare una sola risposta, devi trovare un equilibrio tra quintali di sentimenti contrastanti , devi cambiare prospettiva, come se improvvisamente dovessi calarti in un ruolo che non ti appartiene. E invece ti appartiene, eccome se ti appartiene, è il ruolo di te stessa, per te stessa, quello che dovrebbe essere il più naturale e invece a volte è il più difficile da interpretare. E l’ho capito partendo improvvisamente per un viaggio con 12 persone mai viste prima in vita mia. L’unica cosa a noi nota uno dell’altro era che facciamo lo stesso lavoro, tutti da diversi anni ormai , ognuno in una città differente. Per il resto un foglio bianco, nessuna informazione, niente domande, nessuna risposta, nessuna aspettativa, solo noi e la nostra professionalità, la nostra curiosità di vedere il mondo, la nostra voglia di vivere, e di essere noi stessi. Un viaggio di lavoro che si è trasformato fin da subito in molto di più, una sintonia tra di noi che nessuno si aspettava e forse per questo è stata ancora più gradita. In quei giorni ho iniziato a capire che le nuove vesti che volente o nolente avevo dovuto indossare erano le mie, che io sono così come loro mi hanno conosciuta in quella settimana , che ora posso spegnerlo quel grillo parlante notturno perché non c’è niente da capire , niente da spiegare, niente da rimproverare o da recriminare. La Grecia ha luoghi incantevoli, colori nitidi, visi segnati , occhi profondi, acque trasparenti e tanti, tantissimi sapori e aromi che abbiamo gustato in piatti meravigliosi . Stasera ho cercato di racchiuderne alcuni in una piccola cocotte , e quando una volta sfornata ho sollevato il coperchio , eravamo tutti di nuovo li, attorno a una tavolata imbandita in una di quelle taverne deliziose, tra racconti, assaggi, risate , brindisi e l’immancabile selfie di gruppo 🙂

COSA VI SERVE

Non servono dosi precise, solo ingredienti buoni

  • Pomodorini freschi datterino o ciliegino
  • del pane raffermo
  • feta greca
  • olive nere greche
  • un trito di origano, timo e coriandolo
  • olio evo

Tagliate in due o in quattro i pomodorini e metteteli su un colino , conditeli con  un pizzico di sale e qualche foglia di basilico, mescolateli ogni tanto e lasciateli così una mezzora, perderanno l’acqua in eccesso.

Io ho usato le cocotte mini monoporzione, naturalmente si può fare con una cocotte più grande.

Sul fondo versate un filo di olio, uno strato di pomodorini, uno strato di pane raffermo sbriciolato con le mani, uno strato di olive denocciolate e tagliate grossolanamente, uno strato di feta anche questa sbriciolata con le mai e un cucchiaino di trito aromatico. Se avete ingredienti a sufficienza ripetete uno strato per ogni ingrediente. Terminate con un filo di olio e infornate a 180° per circa 1 ora.

ENGLISH

Life is the most sacred and precious gift, but sometimes it can be a slap in the face of those you will never forget. You wake up one morning and everything has changed, you have to take off your clothes worn until a moment before, you have to close in a drawer years of memories –  that drawer never closes well – you have to head to a roundabout with 24 releases and you do not know which one is yours, you have to match the jeans with the right smile , you have to lower your brain that in sleepless nights makes lots of questions without finding a single answer, you have to find a balance between quintals of conflicting feelings, you have to change perspective, as if you suddenly have to fall into a role that does not belong to you. But it belongs to you, of course it belongs to you, it is the role of yourself, for yourself, the role that should be the most natural but often it is the most difficult to play. I realized that leaving for a trip with 12 people never seen before in my life. The only thing we knew about each other was that we did the same job, all for several years now, each one in a different city. Nothing more, a blank sheet, no information, no questions, no answers, no expectations, just us and our professionalism, our curiosity to see the world, our love for life, our being ourselves. A business trip that has changed at once into much more, a feeling between us that nobody expected and perhaps for this was even more welcomed. In those days I began to understand that the new clothes , willing or not, I was wearing were my clothes, that I’m just as they knew me that week, which I can turn off that night talking cricket because there is nothing to understand, nothing to explain, nothing to reproach or to recriminate. Greece has enchanting places, crisp colors, marked faces, deep eyes, crystal waters and many, many flavors and aromas we’ve  enjoyed in delicious dishes. Tonight I tried to enclose some of them in a small cocotte, and when I’d raised the lid, once we were all over,  around a table in one of those beautiful taverns, between tales, tastes, laughter, and inevitable group selfie 🙂

WHAT YOU NEED

No specific doses, only good ingredients

  • Fresh tomato or cherry tomatoes
  • stale bread
  • Greek feta
  • Greek greek olives pitted
  • A crunch of oregano, thyme, coriander
  • extra virgin olive oil
  • fresh basil

Cut the cherry tomatoes and put them on a colander, season with a pinch of salt and basil leaves, mix and leave them half an hour, they will lose the excess water.

I used mini mono cocotte, of course it can be done with a bigger one.

On the bottom, pour some oil, a layer of cherry tomatoes, a layer of stale bread crumbled with hands, a layer of olives, a layer of feta also this crumbled and  a teaspoon of aromatic chopped. If you have enough ingredients repeat a layer for each ingredient. Finish with some oil and bake at 180 ° for about 1 hour.