Primi, Recipes

GIOVEDI GNOCCHI !!

Il famoso detto “giovedì gnocchi” in realtà sarebbe “giovedì gnocchi, venerdì pesce e sabato trippa”, perché un tempo per i cristiani il venerdì era giorno “di magro” e si mangiava molto leggero e a base di pesce, per questo motivo il giorno precedente era usanza gustare un piatto sostanzioso e nutriente, appunto gli gnocchi . Il sabato invece era legato alla carne perché era giorno dedicato al macello di vitelli e manzi. Nonostante usi e costumi siano oggi giorno completamente differenti ci sono ancora , soprattutto in territorio romano, alcune trattorie che mantengono la tradizione di servire gli gnocchi il giovedi !

Beh…..io non ho una trattoria, ma oggi è giovedì e mi è venuta una voglia incontenibile di gnocchi,  li ho conditi con un sugo a base di pesce, forse inconsciamente volevo rendere il peccato di gola meno grave mimetizzandolo con del sano pesce fresco e leggero, fatto sta che il risultato è stato molto gratificante !

COSA VI SERVE – dosi per 4 persone

  • 1 kg di patate da gnocchi
  • 300 gr di farina – io ho usato la farina di Kamut perché la digerisco meglio
  • 1 uovo
  • sale qb
  • 2 melanzane lunghe
  • 8 pomodori ramato
  • 2 tranci di pesce spada fresco
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • timo fresco
  • olio evo qb

PROCEDIMENTO

Mettete le patate a bollire in acqua fredda .

In un altra pentola portate a bollore l’acqua e appena bolle immergete per 3 minuti i pomodori dopo averli incisi a croce con un coltello.

IMG_1916IMG_1917IMG_1918

Scolateli, lasciateli raffreddare, pelateli ( se avete effettuato il taglio a croce si peleranno molto facilmente) , tagliateli grossolanamente e metteteli a colare in un setaccio.

Pelate parzialmente o completamente se preferite le melanzane, tagliatele a dadini e fate saltare in padella con un po di olio e sale, fino a che non si ammorbidiscono.

Tagliate a cubetti il pesce spada e spadellatelo in una padella con un filo di olio e un rametto di timo, sfumate con il vino bianco, unite il pomodoro e fate cuocere pochi minuti. Aggiungete le melanzane e fate andare ancora 2-3 minuti, aggiustate di sale.

IMG_1919IMG_1923IMG_1926

Una volta cotte pelate e schiacciate in una ciotola le patate ancora calde con l’apposito schiacciapatate , aggiungete metà della farina, l’uovo sbattuto, due pizzichi di sale, iniziate ad impastare e aggiungete quanta farina le patate richiedono, la dose può variare in base all’umidità della patata, se esagerate gli gnocchi verrano duri, se ne mettete troppo poca si squaglieranno in cottura, dovete ottenere un impasto morbido  e compatto senza lavorarlo tanto, appena vedete che non si appiccica più alle mani fate un bel panetto e fermatevi.

Prendendo un po di impasto alla volta formate i classici serpentelli e con un coltello tagliate gli gnocchi della grandezza di circa 2 cm.

Io li lasciato lisci, se preferite aiutandovi con una forchetta o con l’apposito strumento potete rigarli dandogli la classica forma.

IMG_1930

Cuoceteli in abbondante acqua bollente e salata nella quale avrete versato un filo di olio, eviterà agli gnocchi di attaccarsi tra di loro, appena vengono a galla scolateli direttamente nella padella del sugo , amalgamateli bene, aggiungete dell’altro timo fresco e servite caldissimi!

 

ENGLISH

In Italy, the famous mot “Thursday gnocchi” actually would be “gnocchi on Thursday , fish on Friday and tripe on Saturday “, because at time of Christians, Friday was a day “lean” and they ate very light seafood, which is why the day earlier it was customary to enjoy a hearty and nutritious dish like gnocchi. Saturday,  it was linked to the meat. Despite customs and habits are completely different, now there are still, especially in Roman territory, some “trattoria” that  keep the tradition of serving gnocchi on Thursdays!

Well ….. I do not have a trattoria, but today is Thursday and I came up with an irrepressible desire of gnocchi, I seasoned them with a sauce based on fish, maybe subconsciously I wanted to make the gluttony less severe camouflaging with the healthy fresh and light fish, in any case the result was very rewarding!

WHAT DO YOU NEED – Serves 4 people

  • 1 kg of dumplings potato
  • 300 grams of flour – I used Kamut flour
  • 1 egg
  • salt to taste
  • 2 long aubergines
  • 8 tomatoes
  • 2 slices of fresh swordfish
  • 1/2 cup dry white wine
  • fresh thyme
  • extra virgin olive oil to taste

METHOD

Put the potatoes to boil in cold water. They will take about 30-40 minutes to cook.

In another pot boil the water and just immerse for 3 minutes the tomatoes after having engraved cross with a knife. Drain, let cool, peel (if you have made the cut cross it will be very easy ), chop coarsely and put them to drain in a sieve.

IMG_1916IMG_1917IMG_1918

Peeled partially or completely if you prefer the eggplant, cut into cubes and saute in a pan with a little oil and salt, until they soften.

Diced swordfish and cook in a pan with a little oil and a sprig of thyme, pour the white wine, add the tomato and cook a few minutes. Add the eggplant and simmer for another 2-3 minutes, season with salt.

IMG_1919IMG_1923IMG_1926

In a bowl while still hot peel and mash potatoes with potato masher , add half of the flour, beaten egg, two pinches of salt, started to knead and add flour as much as the potatoes require  , the dose is based on moisture of the potato, if you use too much flour the gnocchi will be hard, if you use too little they will melt cooking, you have to get a soft, smooth dough without working so much, when you see that it no longer sticks to the hands make a nice dough and stop .

Taking a bit of dough at a time formed the classic snakes and cut the gnocchi with a size of about 2 cm.

I left it straight, if you prefer with a fork or with the tool you can prevent their giving the classic form.

IMG_1930

Cook in plenty of boiling, salted water in which you’ll shed a little oil, will prevent the gnocchi from sticking to each other, just come to the surface drain directly into the fish sauce pan, mix them well, add other fresh thyme and served piping hot!